Non me lo spiego

La casa editrice Neri Pozza indice un premio per “scoprire i germi della letteratura, dell’arte e della poesia nel tempo presente” con il dichiarato scopo di “restituire dignità allo scouting editoriale, all’attività di selezione e valutazione dei talenti da parte delle case editrici”, attività “oggi minacciata su più fronti, in nome di una presunta libertà espressiva che rasenta spesso l’elogio del dilettantismo”.
Ora, a parte la giusta celebrazione per il centenario della nascita di Neri Pozza, e l’evidente volontà di voler contrastare l’avanzata del self-publishing (almeno così potrebbe leggersi quella minaccia data dalla “presunta libertà espressiva che rasenta spesso l’elogio del dilettantismo”) non si riesce ben a comprendere perché una casa editrice abbia bisogno di un premio per fare quello che dovrebbe fare in quanto casa editrice: scoprire e pubblicare inediti.

Non me lo spiego

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...